Certe cose nascono così.. per destino più che per progetto, così è successo per questa moto

L’occasione è stata quando ai ragazzi Boneshaker è capitata per la mani questa giapponese in discrete condizioni che porta il nome di una storica competizione motociclistica francese BOL D’OR
Scatta l’idea di farne una CafèRacer, un passatempo divertente per le gelide serate d’inverno

E si comincia con le pratiche di rito e tra smontaggio carrozzeria e sverniciatura, tra lavaggi motore con soda caustica, tra utilizzo di vetroresine e modifiche in metallo, ci si rende conto ben presto che potrebbe uscirne una cosa carina

A questo punto ecco accendersi la lampadina .. “ e se riuscissimo a finirla per l’EICMA 2014 ???”
Da qui in poi si scatena l’inferno! Addosso alla nipponica!Alè!

La differenza estetica nelle CafèRacer in gran parte la fa il serbatoio quindi? Sostituire l’originale! si cerca in giro e salta fuori questo di un’Honda CB 350 che pare proprio perfetto! (ovviamente da restaurare e modificare)

Anche il codino ha la sua importanza stilistica, cestinato l’originale si è passati alla creazione di un bel codino in VTR ma anche ad una sella su misura. Si son dovute fare diverse modifiche per l’adattamento del codino al telaio

La vecchia forcella è stata sostituita con un’altra Triumph di nuova generazione a steli rovesciati e pinze freni radiali, ma anche qui sono state apportate un’altra serie di modifiche per adattare la forcella al telaio e alla sua ruota di serie
Un bel manubrio old style Clubmann da 1”,comandi e manubrio in alluminio lucidato sono della CPV

L’impianto elettrico è stato rifatto completamente, così come è stato stravolto l’impianto di scarico, modificato artigianalmente 4 in 2 con terminali in inox.
Pedane e comandi sono stati fatti fare appositamente in ergal dalla ditta SCM

E al motore? rigenerato in color argento e carter lucidati a specchio, si son registrate le valvole e data una bella botta di vita ai carburatori con l’installazione di un kit Dinojet e filtro aria della K&N

Il supporto contagiri artigianale, gli specchietti retrovisori conici Gray Indian’s, lo strumento moto Gadget ChronoClassic,le manopole Biltwell, il fanale posteriore Bates, sono tutti particolari sfiziosi, se così si può dire, che han dato quel tocco di eleganza e un po di profumo del “seventies style” alla Bol D’Or

Per il colore si è andati dall’ottima Carrozzeria Artistica e i decori Joe Bar sono del bravissimo Cristiano Grassi Fats Pinstriping

Ci sarebbero altre parole da spendere sulle micro e macro modifiche artigianali fatte su questa moto..ma per ora fermiamoci qui.

Dopo ansie e sbattimenti, sul filo di lana la “SCORBUTICA” è pronta!
Esposta all’EICMA Milano 2014 ha ricevuto molti consensi di pubblico ed ha vinto il terzo posto al Bike Show di LowRide nella categoria Scrambler & Racer
Che altro dire…anche qui battaglia vinta! complimenti Boneshaker Garage!

/mf